Internet Wi-Fi non più libero – Codice dell’amministrazione digitale

Da pochi giorni è stato eliminato l’obbligo, per le amministrazioni pubbliche, di permettere una connessione internet Wi-Fi libera a tutti in luoghi frequentati da cittadini come scuole, ospedali, luoghi turistici, uffici pubblici etc etc.

Difatti, il nuovo articolo non parla più di obbligo, ma di “favorire la disponibilità di connettività alla rete Internet presso gli uffici pubblici e altri luoghi pubblici, in particolare nei settori scolastico, sanitario e di interesse turistico”.
Il motivo della modifica sembra che sia addebitabile alla paura di aumentare i costi extra per la pubblica amministrazione.
Però il testo definisce anche che la banda da offrire al cittadino è quella “eccedente” alle esigenze dell’amministrazione, e quindi e come dire, prima della modifica attuale, che l’amministrazione ha l’obbligo di permetterne l’utilizzo almeno quando essa stessa non ne usufruisce poiché i costi sono comunque fissi.
L’effetto sarà che poiché non c’è più l’obbligo, ma sono una parola come “favorire” rischia di bloccare un processo di digitalizzazione per tutti i cittadini, offerta di  servizi digitali e abbattimento dei costi e tempi, faticosamente iniziato.
Per ulteriori approfondimenti leggere la notizia direttamente dalla fonte.

 

;